Tutto pronto per il Prix IWW 2010

L’associazione Italian Women World premia le vincitrici ed i vincitori della II edizione del premio internazionale Globo Tricolore 2010 Italia – Brasile dedicato all’eccellenza italiana nel mondo. La cerimonia di premiazione si svolgerà a Bologna, sabato 18 Settembre 2010, presso il Teatro Arena del Sole in Via Indipendenza 44 (scarica l’invito ed il comunicato stampa). I protagonisti sono italiani eccellenti all’estero: artisti, ricercatori, imprenditori, giornalisti di origine italiana che hanno avuto successo all’estero ma poco conosciuti in Italia. A Bologna si racconteranno e le loro storie saranno raccolte anche in un libro e in un documentario.

Programma

Conduce: Patrizia Angelini con la partecipazione di Matteo Vicino 
Musiche: Conservatorio Giovan Battista Martini di Bologna “Omaggio Italia-Brasile” – Bologna Cello Project
Produttore esecutivo, regia artistica: Patrizia Angelini

Ospiti Celebrities

Romina Arena
Vincitrice Globo Tricolore 2010
Dagli Stati Uniti la cantante internazionale che a soli trenta anni ha già conquistato il mondo.

Vive in California ma ha origini siciliane. Si è allontanata dall’Italia dopo un incidente che l’ha ridotta in coma. E’ stata adottata all’estero dal Sal Pacino, padre di Al Pacino (nella foto a destra). Oggi è famosa negli Stati Uniti, Giappone e Australia per la sua incredibile estensione vocale. Ha venduto oltre quattro milioni di dischi in tutto il mondo. Ha creato un nuovo genere musicale. Sulla sua incredibile storia sono iniziate le produzioni tra Hollywood e Broadway. Grande dimostrazione di forza, coraggio e talento italiano nel mondo. 

Katherine Pacino
Attrice americana moglie di Salvatore Pacino padre della star italo-americana Al Pacino. Sal Pacino è infatti siciliano (Messina, San Fratello).

Debora Patta
Vincitrice Globo Tricolore 2010

Dal Sudafrica, la reporter più coraggiosa e cara a Nelson Mandela.
Origini calabresi da parte del papà. Lei nasce nello Zimbawe si trasferisce poi in Sudafrica dove oggi è una dei reporter più rispettati. E’ la giornalista investigativa più famosa nel suo paese. E’ stata la prima donna ad occupare il posto di caporedattore in Sudafrica. Nelson Mandela oggi la considera una delle sue giornaliste preferite. Debora Patta, grazie al suo giornalismo responsabile, e alla grande influenza che oggi riesce ad avere su milioni di telespettatori, svolge un servizio fondamentale per la crescita culturale ed economica del Sudafrica. Il suo grande obiettivo di vita e’ smascherare la corruzione, mettere i politici e i potenti di fronte alle loro responsabilita’, e stare sempre dalla parte del piu’ debole. La sua attivita’ di vigilanza ha quindi ricadute sociali fortissime sul paese.

Sergio Navaretta
Dal Canada un film “Looking for Angelina”, omaggio all’Italia dal maestro italo-canadese Sergio Navarretta. Pellicola dedicata alla tragica storia di Angelina Napolitano un’italiana emigrata in Canada agli inizi del 1900.

Luca Lionello

Dall’Italia per un riconoscimento come attore protagonista nel film “Le ultime 56 ore”. Il thriller di Claudio Fragasso dedicato ai soldati italiani in Kosovo e alla sindrome dei Balcani è stato dichiarato di “interesse culturale” dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e grande apprezzamento ha ricevuto dal Ministero della Difesa che nei titolo di coda dichiara: “L’Italia non ha mai fatto uso di armi all’uranio impoverito, anche se i soldati ne sono venuti a contatto nelle zone di guerra durante lo smaltimento delle scorie radioattive che non si pensavano allora nocive per la salute. Ma con un decreto del 2009 il nostro paese ha indennizzato i militari malati di leucemia e le loro famiglie, riconoscendo il problema”.

Matteo Vicino
Premio regia 2010 “Sicurezza Stradale” al giovane bolognese Matteo Vicino. Autore controcorrente, stimato dalla Polizia di Stato e dal Ministero dell’Interno, a lui il riconoscimento IWW per l’impegno nel Progetto Icaro e nel film “Young Europe”: pellicola che coinvolge 14 paesi europei.

Vincitori Globo Tricolore 2010

Elena Maria Teresa Calligaro
Cina – Shanghai / Indonesia – Jacarta: l’architetto che adatta il made in Italy alle esigenze asiatiche.
Lavora tra Cina e Indonesia, Shanghai e Jacarta. E’ nata a vicenza (Arzignano), oggi come architetto d’interni adatta il made in Italy alle esigenze asiatiche. Esempio di positiva collaborazione tra Italia e Cina. L’immagine dell’Italia viene proposta a clienti cinesi promuovendo la creatività e i prodotti italiani.

Ferdinando Pezzoli

Sudamerica – Santiago del Cile: l’imprenditore fornitore di multinazionali. 
E’ nato a Capalbio (Toscana) da genitori bolognesi ed è partito per il Cile a 19 anni dove oggi rappresenta la Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo. Imprenditore di successo: ha fondato nel mercato sudamericano dei gelati, la più grande azienda di coni e cialde tanto da divenire fornitore ufficiale di importanti multinazionali. E’ presidente dell’Associazione emiliano-romagnola di Santiago ed esponente di spicco della comunità italiana in Cile.

Lara Mazzoni
Spagna: la designer di lusso per una clientela esclusiva del made in Italy “Forbes top 100”. 
E’ nata a Milano ma vive in Spagna, dove ha fondato LMV DESIGN. A lei il Globo Tricolore per un interior design di lusso che soddisfa i desideri dei clienti piu’ esigenti grazie alle alte tecnologie integrate senza dimenticare l’abile lavoro dei maestri artigiani italiani.

Marco Folegani

Italia: il fisico innovatore del monitoraggio meteorologico – ambientale.
E’ di Ferrara. Ha fondato insieme ad altri due colleghi una società che oggi è business partner dell’ente spaziale europeo. A lui il Globo Tricolore per l’innovazione nella realizzazione di progetti dedicati al monitoraggio meteorologico-ambientale riuscendo in pochi anni ad accreditare prestigiosamente la propria attività scientifica ed imprenditoriale in ambito internazionale.

Tiziana Grassi
Italia: la studiosa esperta di migrazione italiana nel mondo.
Nasce in Puglia a Taranto. Oggi vive a Roma. Giornalista e studiosa di migrazione italiana”. Giornalista, autrice televisiva Rai, storica, ha dedicato la propria attenzione al fenomeno migratorio, una sorta di cartografia dell’anima dell’emigrazione. Lavora, tra ricerca, docenze universitarie, tv, pubblicazioni e convegnistica, sul tema per sostenere le generazioni successive e rafforzare quel legame invisibile con chi è partito, disegnando i confini di un’Italia delle eccellenze, ovunque nel mondo.

I protagonisti si raccontano in AmiciOltreOceano

Il Globo Tricolore e’ un premio in formato televisivo-editoriale. Le storie dei protagonisti del Globo Tricolore le trovate in AmiciOltreOceano: il format di Patrizia Angelini dedicato al “Celebrity Book” e al documentario-tv.

Il Globo Tricolore riconosce per l’edizione 2010 una targa speciale ai seguenti Partner:

  • Tonino Lamborghini – Main Partner “Eccellenza Italiana all’estero”
  • Starhotel – Ospitalità  Italiana
  • Consorzio Marchio Storico dei Lambruschi  Modenesi – Per l’alta Enogastronomia Italiana
  • Consorzio Aceto Balsamico Tradizionale di Modena – Per l’alta Enogastronomia Italiana
  • Consorzio Parmigiano Reggiano – Per l’alta Enogastronomia Italiana
  • Consorzio Del Prosciutto Di Modena – Per l’alta Enogastronomia Italiana
  • Modena A Tavola – Per l’alta Enogastronomia Italiana
  • Conservatorio Giovanna Battista Martini Bologna

Altri eventi protagonisti del Premio

Globo Tricolore Brasile 2011. In collaborazione con la Camera di Commercio Italia-Brasile, l’Istituto Italiano di cultura ed il Collegio Dante Alighieri di San Paolo, la presentazione della III edizione del Globo Tricolore Brasile 2011. Un Tour brasiliano per la diffusione della “Cultura e impresa italiana nel mondo”. 
Un tour che inizia in Italia con il meeting Veneto in the World e termina in Brasile con il Premio all’eccellenza italiana e la presentazione di Feste italiane nel mondo: il nuovo export dedicato alla celebrazione delle ricorrenze secondo usi e costumi italiani. Primo fra tutti il “Il matrimonio all’italiana”.

I vincitori del Globo Tricolore 2011

La III edizione del Premio si e’ svolta sotto il cielo stellato di Gualdo Tadino, ai piedi della maestosa Rocca Flea nella esclusiva location del Gran Galà dell’Imprenditoria Umbra 2011, il  format ideato dal Museo Regionale dell’Emigrazione “Pietro Conti” e dal Polo Museale della città di Gualdo Tadino, con il patrocinio di Rai Internazionale, della Provincia di Perugia e dell’amministrazione comunale.

“Il Gran Galà”, spiega Catia Monacelli, Direttore del Polo e madrina dell’evento, “ha voluto rendere omaggio agli imprenditori che hanno reso nota l’Umbria in Italia e l’Italia nel mondo. Due universi apparentemente diversi: il sapere ed il saper fare. Ingegno, espressività, capacità gestionale sono tutti elementi che uniscono sia il mondo imprenditoriale sia quello culturale. Anche i musei fanno impresa e questa volta i premi non arrivano da associazioni di categoria né da ambiti direttamente affini. Se la manifestazione avesse avuto uno slogan, questo non sarebbe potuto essere che: “l’arte incontra il mondo dell’imprenditoria”.

Vincitori del “Globo Tricolore 2011”,premio dedicato all’eccellenza italiana nel mondo e agli studiosi che si sono distinti per le ricerche sui connazionali all’estero: Danilo Rea, pianista jazz di fama mondiale, per la capacità espressiva della sua musica; Gianni Torres, regista, per aver raccontato l’epopea dei nostri connazionali in Brasile; Flavia Cristaldi, Università La Sapienza di Roma, per la ricerca; Matteo Minelli, Ecosuntek, per essersi distinto nel mondo dell’imprenditoria giovane e nelle fonti rinnovabili; Alberto Sorbini, Direttore dell’Isuc, per la ricerca; Sauro Scarabotta, chef italo-brasiliano per l’enogastronomia.
Premiati oltreoceano anche Vitaliano Vita, in Venezuela, per la comunicazione italiana all’estero; Libero Panesi, in Spagna, per il designer italiano.
Ambasciatore in Canada il giornalista Cristiano De Florentiis, per la consegna del premio a Toronto all’editrice Lori Abittan e a Concetta Kosseim,  per la letteratura italiana nel mondo.
A sorpresa, la giornalista Rai Patrizia Angelini e Presidente del Globo Tricolore, ha conferito poi anche a Catia Monacelli l’ambito riconoscimento.

Subito dopo le premiazioni Danilo Rea ha regalato a tutti i presenti un omaggio all’Umbria attraverso brani di famosi cantautori italiani trascinando il pubblico in un’emozionante viaggio attraverso i suoi virtuosismi musicali.

WIF Italia 2010, tutto il web a Milano

Si chiama WIF ‐ Webdesign International Festival ed è la più importante competizione di web design in Europa che vedrà per la prima volta l’Italia come Paese partner. Nelle precedenti edizioni internazionali ben 860 team provenienti da 40 Paesi nel mondo si sono sfidate a colpi di creatività. L’edizione italiana del 2010 non sarà però solo un contest, ma un evento che coinvolgerà tutta l’esperienza digitale d’uso: DUE.1 Digital User Experience Festival, è infatti il primo festival italiano delle esperienze digitali nell’uso quotidiano. 

WIF e DUE.1 intendono avvicinare il mondo degli esperti a quello del grande pubblico, ed si rivolgono a imprenditori, rappresentanti delle Istituzioni, marketing, communication, sales e IT manager, professionisti e appassionati di web design, digitale e interfacce grafiche, agenzie ed aziende di servizi, editori, media, blogger, community e tutti coloro interessati a partecipare ad un evento ad alto impatto innovativo. 
WIF Italia – DUE.1, patrocinati da Italian Women in the World, sono organizzati da NELSEGNODELL’8, agenzia di comunicazione integrata, con la collaborazione di Inside, leader nella formazione dell’Information Technology, NABA – Nuova Accademia di Belle Arti Milano e Nòva24 – Il Sole 24 Ore. 

L’evento si terrà il 4‐5‐6 febbraio 2010 a Milano: il 4‐5 presso NABA – Nuova Accademia di Belle Arti Milano ed il 6 febbraio presso Young & Rubicam Brands e on line, con l’apertura di un portale video sul sito del festival.
Guarda gli approfondimenti video sul Canale YouTube di IWW.

“Looking for Angelina” apre il Premio IWW 2010

Sergio Navarretta racconta la tragica storia di Angelina Napolitano, la storia vera di una donna italiana emigrata in Canada agli inizi del 1900. Italian Women in the World ha scelto di presentare la pellicola che sarà proiettata all’apertura delle cerimonia di premiazione della seconda edizione del Premio IWW nel Mondo 2010, a Bologna.
La Rete IWW presenta il trailer del film sul proprio Canale YouTube, l’ulteriore importante snodo della nostra rete internazionale per comunicare e far conoscere le eccellenze italiane, nostre e dei nostri connazionali all’estero.

Al via la II edizione del Premio IWW nel MONDO: il globo tricolore! Appuntamento a Bologna il 18 settembre 2010

IWW indice la seconda edizione del Premio “IWW nel Mondo”, Bologna 2010 per l’assegnazione di 7 riconoscimenti destinati a profili eccellenti nei settori dell’Innovazione e della Creatività. La II° edizione ha il patrocinio della Regione Emilia-Romagna ed è in collaborazione con Unioncamere Emilia-Romagna, Assocamerestero ed Il Resto Del Carlino/QN. 
Scarica la nuova Presentazione del Premio 2010 in formato Pdf. 

Il Premio è riservato ai connazionali (residenti all’estero e oriundi), agli italiani che operano “da e per l’estero” anche temporaneamente, ai figli o discendenti dei connazionali all’estero, nelle tre categorie: “Donne”, “Uomo”, “Under 25”. Il riconoscimento viene assegnato a chi si è distinto all’estero nel settore della innovazione e della creatività e abbia contribuito allo sviluppo economico e culturale dell’Italia nel mondo. 
Scarica il Bando di Concorso 2010 in formato Word.

In questo modo IWW intende promuovere il ruolo dei connazionali e degli italiani che operano sul mercato estero, attraverso la divulgazione di casi di successo personale, di progetti e/o iniziative da questi curati; intende dare rilievo al valore aggiunto dell’impegno culturale e imprenditoriale dei connazionali nel mondo per l’innovazione, lo sviluppo e l’immagine internazionale del Made in Italy. IWW vuole premiare i talenti italiani e anche quest’anno “i casi di successo” saranno raccontati in un prodotto editoriale.

Per l’edizione di Bologna, il Premio privilegia il territorio dell’Emilia Romagna e, come nella prima edizione, la premiazione sarà preceduta da un incontro tra il mondo istituzionale, l’imprenditoria e la cultura per una tavola rotonda sull’evoluzione dell’imprenditoria e della cultura italiana nel mondo e nei diversi territori italiani. Un’occasione per uno scambio di know-how, conoscenze ed esperienze.

L’impresa al femminile nel mercato globale

Aspin, Unioncamere e Camera di Commercio di Frosinone presentano, martedì 16 febbraio, l’incontro “L’impresa al femminile nel mercato globale”, progetto che nasce con l’obiettivo di potenziare uno sportello informativo a supporto del consolidamento delle imprese a prevalente partecipazione femminile, con la finalità di stimolarle ed affiancarle nel loro processo di apertura verso i mercati internazionali. 
Il servizio sarà orientato ad intercettare i bisogni del mondo imprenditoriale femminile, sia in termini di internazionalizzazione, che di accesso ai bandi comunitari ed a monitorarli nel tempo. La finalità è quella di erogare servizi di assistenza, di consulenza, interenti formativi nonché promozionali adeguati alle esigenze che emergeranno. 

Il progetto, promosso da Aspin, della Camera di Commercio di Frosinone e dal Comitato per l’imprenditoria femminile, prevede la partnership operativa con il sistema camerale regionale e nazionale, sia attraverso Unioncamere Lazio, sia attraverso Retecamere e Unioncamere Bruxelles nonché con Italian Women in the World, primo network internazionale dedicato agli italiani all’estero ed in particolare alle donne italiane che rivestono incarichi professionali di rilievo nel resto del mondo.

All’incontro, che si terrà Martedì 16 febbraio 2010, alle ore 11 presso la Sala Convegni della Camera di Commercio di Frosinone in Viale Roma, parteciperà come ospite la presidente IWW, Patrizia Angelini.

IWW a Pavia con Club Virtuose, Il sito delle Donne

Si svolgerà a Pavia, dal 7 al 10 maggio, presso il Palazzo delle Esposizioni la quarta edizione della Fiera delle Imprese Femminili promossa da Sportello Donna BIC Pavia. Un salone delle imprese femminili costellato da incontri, convegni, riflessioni, opportunità che si pone nell’anno europeo della lotta contro l’esclusione sociale con il seguente tema: “Rilanciare l’economia, definire nuovi equilibri sociali: i paradigmi per la società post-crisi. Il ruolo delle Donne”

Proprio in questo contesto IWW organizza, in collaborazione con “Club Virtuose – Il sito delle Donne” la tavola rotonda sul tema “Il Tetto di Cristallo” ossia quella barriera invisibile, ma difficilmente superabile, presente nel mondo del lavoro che impedisce alle donne di accedere a posizioni di responsabilità. Questo “tetto”, invisibile, ma impenetrabile come un cristallo, determina appunto il limite invalicabile degli strati alti delle carriere e schiaccia le donne verso uno “sticky floor”, un pavimento appiccicoso che trattiene un gran numero di manager e politici donne, docenti, ricercatrici e scienziate ai livelli minimi della loro carriera.

Come viene vissuto in Italia?
Come viene affrontato all’estero?
Le difficoltà sono le stesse?
Che testimonianze possono portarci le nostre connazionali oltre confine ed oltre oceano?

Venerdì 07 Maggio alle ore 16:00 IWW e Club Virtuose – Il sito delle Donne propongono un confronto diretto con casi di successo e testimonianze in tempo reale dall’Italia e dall’Estero per capire che cosa ancora possiamo fare per abbattere questa barriera.

Per tutte le Socie IWW che volessero partecipare alla Fiera delle Imprese Femminili con un proprio spazio che potranno usufruire della Convenzione Speciale per le Amiche IWW per tutta la durata della Fiera.

Premio IWW nel Mondo 2010 Innovazione e Creatività

Per la sua seconda edizione, IWW ha deciso di dedicare il Premio “IWW nel Mondo” all’innovazione e alla creatività. Il Premio 2010 IWW nel Mondo Innovazione e Creatività si terrà a Bologna, il 18 settembre, con la cerimonia di premiazione nel prestigioso Palazzo Re Enzo, nella splendida Piazza del Nettuno. Quest’anno per il Premio, organizzato da IWW in collaborazione con Assocamerestero, Unioncamere Emilia-Romagna, Il Resto del Carlino/QN, con il patrocinio della Regione Emilia Romagna, verranno assegnati 7 riconoscimenti – il Globo Tricolore di IWW, opera dell’artista Ada Capone – destinati a professioniste e professionisti che si siano distinti nei settori dell’Innovazione e Creatività:

  • 5 per la categoria “donne” (1 per ogni area geografica: Asia, Oceania, Europa, Americhe, Africa )
  • 1 per la categoria “uomo”
  • 1 per la categoria “under 25”

Il Bando di Concorso scade il 19 maggio 2010 alle 12, data entro la quale dovranno essere inviate le relative candidature, promosse da un tutor. 

Quest’anno il Premio è rivolto alle professioniste ed ai professionisti nei settori di:

  • Comunicazione e Eventi
  • Nutrizione, Salute e bellezza
  • Arte e Design
  • Performing Arts
  • Energie alternative e Prodotti riciclati
  • Information and Communication Technologies (ICT)
  • Scienza, Ricerca, Tecnologia e Ingegneria (SET)
  • Tessile e Moda
  • Turismo

Il Premio è riservato ai connazionali residenti all’estero e oriundi, agli italiani che operano “da e per l’estero” anche temporaneamente, ai figli o discendenti dei connazionali all’estero. IWW intende così intende promuovere il ruolo dei connazionali e degli italiani che operano sul mercato estero, attraverso la divulgazione di casi di successo personale e dare rilievo al valore aggiunto dell’impegno culturale e imprenditoriale dei connazionali nel mondo per l’innovazione, lo sviluppo e l’immagine internazionale del Made in Italy, in modo da costituire non solo una rete tra l’Italia e gli italiani all’estero, promuovendo la lingua e la cultura italiana, ma anche rinsaldando il legame delle nuove generazioni con il Paese d’origine ed offrendo una “vetrina” dei prodotti e delle eccellenze italiane. 
Per questo, IWW ha coinvolto nel Premio gli organismi nazionali ed internazionali, pubblici e privati che rappresentano la cultura e l’imprenditoria italiana nel mondo: i ministeri, le ambasciate, gli Istituti Italiani di Cultura, le Camere di Commercio, le associazioni degli imprenditori e dei connazionali nel mondo, i network e i media dedicati all’Italia e al Made in Italy.

Il Premio IWW 2010 ha il patrocinio di: Presidenza del Consiglio dei Ministri, Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento Pari Opportunità, Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Ministero Istruzione Università e ricerca, Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali, Camera di Commercio Italia – Brasile, Istituto Italiano di cultura di San Paolo – Brasile, Collegio Dante alighieri San Paolo – Brasile, Enit, Assocamerestero, ICE – Istituto Commercio Estero, Regione Emilia Romagna, Regione Liguria, Regione Campania, Regione Siciliana – Corecom, Regione Molise, Regione Veneto, Regione Toscana, Unioncamere Emilia Romagna, CNA Impresa Donna E.R., Confesercenti Emilia Romagna, Apt Emilia Romagna, Consulta degli Emiliano Romagnoli nel Mondo, Consiglio Regionale Trentino Alto Adige, Assessorato Turismo Regione Liguria, Assessorato Attività Produttive, Sviluppo Economico e Piano Telematico Emilia Romagna, Provincia di Firenze, Provincia di Bologna, Comune di Bologna, Comune di Maranello, Confesercenti Bologna, Ascom/Bologna incoming, CNA Bologna, Conservatorio Giovan Battista 
Martini di Bologna.

Patrizia Angelini su B&G

L’Italia continua a essere molto indietro sia per l’occupazione femminile che per il ruolo socio-economico delle donne. Patrizia Angelini, esperta di comunicazione televisiva, presidente e fondatrice di “Italian Women in the World” chiede più garanzie per imprenditrici, manager e professioniste
B&G – Business&Gentlemen, Venerdì 14 Maggio 2010

Un esempio d’imprenditoria in rosa internazionale. Patrizia Angelini, esperta di comunicazione televisiva, presidente e fondatrice di “Italian Woman in the World” non si rassegna ai dati poco gratifi anti per le piccole imprendititrici e lancia un appello per migliorare le condizioni dell’accesso al credito e per un fi sco più favorevole.

Il tutto, per portare nel tessuto produttivo italiano quelli dosi di creatività ed entusiasmo proprie delle donne, come dimostra il percorso lavorativo della nostra “lady economy”.

In un momento di crisi quale quello che stiamo attraversando, come sta reagendo l’imprenditoria femminile?
Le donne sono la linfa. E anche se “poche” ricoprono ruoli di comando, restano comunque il motore della nostra produzione. Non potrei immaginare settori senza professionalità al femminile. E mi viene da sorridere quando ci chiamano “quote”. Le donne non si arrendono mai, sono propositive originali, abili mediatrici e molto rassicuranti. Oggi escono dalla crisi mettendosi “in proprio”. Le microimprese sono una buona alternativa in questo momento soprattutto nei settori innovativi dove la creatività è donna. E se la crisi ha ridotto i fatturati del 30%, le mini-aziende non hanno tagliato i dipendenti secondo le stesse percentuali. Ma le “piccole imprenditrici” sono sempre più “cenerentole”. Non si sentono rappresentate dalla politica e non hanno alle spalle i sindacati. Sono professioniste non tutelate dagli Ordini e che chiedono Welfare. Eppure sono quelle che conservano la tradizione produttiva del territorio. Insomma dovrebbero avere condizioni migliori nell’accesso al credito e un fi sco più favorevole. Bisognerebbe incentivarle di più visto che si distinguono poi sul piano pratico in creatività, innovazione e nella produzione del “vero Made in Italy”.

In quali settori del panorama economio, le donne sono maggiormente presenti e con ruoli importanti?
Premesso che l’Italia vive un vero e proprio defi cit di presenza femminile, non solo in Parlamento ma anche ai vertici di grandi aziende quotate in borsa e della Pubblica Amministrazione, al contrario nel settore dell’artigianato la donna sembra ricoprire un ruolo sempre rilevante, anche in virtù del fatto che la famiglia all’interno del comparto è sempre più importante. Le imprese femminili,comunque, su scala nazionale sono maggiormente concentrate nei settori tradizionali del commercio e dell’agricoltura. Sono quasi 1,3 milioni le imprenditrici artigiane sul territorio nazionale e crescono nei settori “maschili” dell’investigazione, vigilanza, informatica, sport, editoria, metallurgia, alimentari. Ma nonostante il lavoro delle imprenditrici artigiane sia quantifi cabile nel 2,2 del PIL, l’Italia continua a essere molto indietro, sia per quanto concerne l’occupazione femminile, sia per il ruolo socio-economico delle donne, rispetto agli altri Paesi Europei e agli obiettivi del Patto di Lisbona. Le imprese rosa hanno oggi diffi coltà ad operare in un ambiente sfavorevole allo sviluppo d’impresa, occorre attuare gli sgravi fi scali per quelle che assumono lavoratrici e per le donne che intendono avviare nuove attività prevedendo piu’ fondi regionali di garanzia per sostenere l’accesso al credito delle imprese.

Lei è un’esperta di mass-media e comunicazione, si occupa della creazione e della realizzazione di format radio-televisivi. Come nasce un format televisivo? Verso quale direzione si sta andando?
Ascoltando le persone, i loro problemi e le loro domande ricevo uno stimolo per creare i miei format, come è accaduto ascoltando le richieste dei connazionali all’estero. Il format è una risposta creativa, molto vicino all’utente, una notizia da condividere. Un modello di programma radio-tv che, se ha successo, può essere venduto e replicato in tutto il mondo. Un progetto creativo con le sue regole specifi che. Oggi la tendenza è quella di acquistare dall’estero. In realtà in Italia ci sono molti creativi. Il problema è che i nostri editori non sperimentano e si affi dano ad opere già collaudate. Questo per il paese degli inventori è spiacevole. Poi ci sorprendiamo se facendo zapping sulle web-tv troviamo dei prodotti originali di creativi italiani che innovano. L’Italia dovrebbe essere più coraggiosa nello sperimentare la propria creatività e gli editori dovrebbero puntare più sulle risorse interne.

Ad oggi, qual è la formula “migliore” per parlare di economia nei mezzi di comunicazione quali tv e radio?
Fare economia in tv puntando sulle risorse interne. È come fare il pane in casa. Offrire più specializzazione ai dipendenti e stimolarli con i corsi di aggiornamento. Il confronto è sempre costruttivo. Oggi invece si preferisce sempre più dare in appalto e ricorrere a risorse esterne.

Cosa manca, secondo lei, alla comunicazione di oggi?
L’informazione specializzata sui canali televisivi. Troppi palinsesti confusi, troppa offerta informativa sugli stessi canali o troppa informazione manipolata. Ormai il pubblico è cresciuto, è autonomo, non ha un solo canale. Mi piacerebbe che la politica avesse i suoi canali informativi e non che l’informazione facesse politica. Negli anni ’50 era normale una sola offerta per tutta la famiglia. Oggi la famiglia è cambiata, esistono “tante famiglie” e tante realtà. Il digitale è una buona alternativa ma non è cosi per tutti. La tv sarà sempre più interattiva.

Tra le donne che sta incontrando per lavoro in questi anni (o che le piacerebbe incontrare), quale, secondo lei, può rappresentare un esempio per il mondo femminile?
Ammiro il lavoro delle soldatesse, delle ricercatrici, delle missionarie. Nessuno parla di loro. Mi farebbe piacere conoscere le loro storie. Credo che il coraggio di queste donne possa essere un esempio per tutte noi. E a proposito di chi presta volontariato voglio comunque ringraziare tutte le collaboratrici della rete IWW che prestano spontaneamente il loro lavoro e che con passione si dedicano alla promozione dell’immagine Italia nel mondo e agli italiani all’estero.

Come e perchè nasce l’idea di creare la rete “Italian Women in the World”?
La rete “Italian Women in the World” potrebbe essere un modello per uscire dalla crisi. Il network, “fare rete” in questi tempi è un’alternativa. Stiamo, infatti, esportando il nostro knowhow nei sistemi camerali all’estero. Insegnamo come organizzare eventi a “costi-zero” (o quasi) alle Camere di Commercio. La rete non gode di alcun contributo ma lavora grazie alle diverse professionalità delle socie. L’idea della rete nasce però per rendere omaggio agli italiani all’estero. La forza della rete è data dall’organigramma internazionale. Una struttura per aree geografi che presente in tutto il mondo, che comunica attraverso la nostra banca-dati. Non esisteva una sola rete professionale che riunisse tutti gli italiani del mondo. Ma il nostro obiettivo è un work in progress.

La carriera

Dopo la laurea in Giursprudenza, Patrizia Angelini intraprende la carriera giornalistica. Tante scuole e gavetta nelle tv private. Poi le varie specializzazioni e i master in “pubblicità, palisensti e format radio-tv”. Arriva in Rai nel 1997 per uno stage giornalistico; qui inizia la sua carriera di conduttrice televisiva, senza però dimenticare l’amore per i suoi format tv. L’ultimo è stato presentato proprio in questi giorni alla Presidenza del Consiglio dei Ministri: un progetto che racconta storie di successo dei talenti italiani all’estero: storie poco conosciute in Patria. Un format che rende merito ai connazionali attraverso il Premio internazionale dal titolo “Il globo tricolore. Innovazione e creatività italiane nel mondo”. I migliori italiani saranno premiati il prossimo 18 settembre nella seconda edizione di Bologna per poi raccontarli in un libro ed in un format tv. 

Leggi l’articolo originale pubblicato su B&G – Business&Gentlemen, Venerdì 14 Maggio 2010

III Edizione Prix IWW, Brasil 2011

Italian Women in the World è lieta di annunciare l’anteprima della III edizione del premio Globo Tricolore – Brasil 2011. Premio internazionale dedicato alle personalità ed i talenti di origine italiana in Brasile. 
Il “Globo Tricolore” è un premio in formato televisivo ed editoriale (con il suo Celebrity book), ma anche un “momento” di incontro per la cultura e l’impresa italiana in Brasile. Un’importante vetrina per il Made in Italy e le eccellenze italiane.

Globo Tricolore Italia – Brasile 2011

Con il Patrocinio di

Camera di Commercio Italia-Brasile

Istituto Italiano di Cultura di San Paolo

Collegio Dante Alighieri di San Paolo


Nella sua visita in Brasile la presidente di IWW Patrizia Angelini ha incontrato tante personalità con cui condividere l’impegno di promuovere le eccellenze italiane nel mondo: il vice-sindaco di San Paolo, Alda Marco Antonio; l’Ambasciatore d’Italia in Brasile, Gherardo La Francesca; il presidente della Camera di Commercio Italia-Brasile, Edoardo Pollastri; il presidente della Magneti Marelli Brasile, Virgilio Cerutti; il presidente della Fiat America Latina e presidente del GEI, Gruppo Esponenti Italiani, Valentino Rizzioli; il direttore dell’Istituto Italiano di Cultura de Sao Paulo, Attilio De Gasperis; Rita Blasioli Costa, presidente dei Comites San Paolo e i suoi giovani; l’imprenditrice Alida Bellandi; l’imprenditrice Sandra Papaiz e la scuola italiana Eugenio Montale; il presidente del Collegio Dante Alighieri di San Paolo, Jose Oliveira Messina; Luigi Bauducco, presidente dello storico marchio dolciario “Bauducco”; il Console generale di San Paolo, Ministro Mauro Marsili con consorte; Tiziana Carriglio della Camera di Commercio Italia-Brasile; il presidente di Almaviva Brasile, Giulio Salomone; lo chef Alessandro Segato; la squadra di calcio Palmeras; e le mamme di San Vito.

L’invito a tutte Voi e a tutti Voi, è quindi al prossimo anno per il Premio Globo Tricolore IWW nel Mondo 2011.